HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 23/01/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 7 Anno 6  Bim. Nov/Dic 2017 - anno XXIV

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


CHIRURGIA PLASTICA ED ESTETICA: << IL LIFTING SCROTALE >>

Spazio pubblicitario cmeit.it 
CENTRO MEDICO EUDERMICO ITALIANO

Il lifting scrotale è l'intervento di chirurgia estetica effettuato per risolvere il rilassamento dello scroto, la tasca cutanea in cui sono contenuti i testicoli. Essendo continuamente soggetto alla forza di gravità e con l'invecchiamento fisiologico, lo scroto sviluppa un marcato allungamento e cedimento dei tessuti.


La cute di questa area anatomica può essere eccessiva, lassa o addirittura di impedimento e una sua riduzione risulta tanto semplice quanto di grande soddisfazione.

L’intervento è ambulatoriale e ha una durata di circa 40 minuti e prevede uno schema preciso di incisioni posizionate in aree poco visibili in particolare sulla linea dell'emiscroto. Tale schema cambia in base alla tipologia e alla entità del rilassamento cutaneo. Si tratta di un'operazione abbastanza semplice che comporta l'eliminazione dei tessuti in eccesso, un lifting tensivo della pelle residuale e il riposizionamento dei testicoli in una nuova cavità scrotale. Al termine dell'intervento dopo che i lembi sono stati suturati in modo da non lasciare esiti cicatriziali evidenti, la zona viene protetta con apposite medicazioni . La cicatrice residua è praticamente invisibile grazie alle numerosissime pieghe cutanee tipiche di questo distretto.


Al termine dell’intervento viene applicata una medicazione mobile che deve permettere al paziente di svolgere le funzioni fisiologiche e nello stesso tempo la detersione e la disinfezione della parte.


Nei giorni successivi è richiesta una disinfezione quotidiana (domestica), l’astensione dall’attività sportiva e sessuale per due settimane almeno. E’ possibile indossare ogni tipo di abbigliamento, evitando però pantaloni troppo aderenti.


A guarigione completata diviene praticamente impossibile individuare la ferita e il risultato è assolutamente naturale.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Redazione NuonaItaliaMedica
30-6-2015



Atre notizie
in categoria
CHIRURGIA PLASTICA ED ESTETICA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 7 - Anno 6


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB