HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 17/07/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 2 Anno 7  II Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


DERMATOLOGIA: << I "funghi" estivi >>
Le infezioni micotiche più frequenti in estate sono quelle dovute a Malassezia furfur, un lievito detto anche Poturosporum ovale, che normalmente è presente sulla pelle di oltre il 90% degli esseri umani adulti. Provoca macchie di diverse tonalità sulla pelle.

Spazio pubblicitario cimesan.it

I funghi, abitano sulla nostra pelle e solitamente non provocano alterazioni cutanee, ma d’estate le condizioni ambientali ne facilitano la proliferazione provocando le micosi. La maggior parte dei funghi prolifera con il caldo e l’umidità, causando il 10% delle infezioni dermatologiche.

Tra le micosi più diffuse, soprattutto nel periodo caldo, c’è quella dei piedi colpisce soprattutto maschi adulti, in particolare giovani che praticano sport. L’infezione si acquisisce infatti frequentando palestre e piscine.

Inizia negli spazi interdigitali, dapprima con una macerazione, quindi con squame e croste, infine con erosioni. Dagli spazi interdigitali, l’infezione può coinvolgere la pianta dei piedi.
Ma giornate calde vuol dire anche vestiti estivi e scarpe aperte e il nostro corpo così è più a contatto con gli agenti esterni e più esposto al contagio dei cosiddetti 'funghi'.

Le infezioni micotiche più frequenti in estate sono quelle dovute a Malassezia furfur, un lievito detto anche Poturosporum ovale, che normalmente è presente sulla pelle di oltre il 90% degli esseri umani adulti. Provoca macchie di diverse tonalità sulla pelle.

Nelle zone di attrito, come le ascelle, le pieghe della pelle (tra le dita, sotto il seno) o l’inguine, che sono quelle più umide, sono comuni le infezioni da questo tipo di funghi.

Il sintomo iniziale delle micosi cutanee in genere è il prurito, anche molto inteso, ma quando l’infezione diventa cronica, le erosioni possono essere accompagnate da dolore. Qualche volta, il dolore è tale che, se ci riferiamo ai piedi, può addirittura limitare la deambulazione.

Anche se le micosi non hanno gravi conseguenze, conviene riconoscerne la presenza perché a mano a mano che passa il tempo diventano più difficili da eliminare. E’ anche importante prevenirne la comparsa.

Ci sono dei piccoli accorgimenti però da seguire per limitare al minimo la possibilità di contrarre una micosi, se ad esempio è localizzata è sulle unghie, buona norma è non coprirla con lo smalto colorato, soprattutto se di quelli a lunga durata, perché potrebbe camuffare l’eventuale estensione della micosi.

In piscina e in spiaggia è sempre consigliabile usare sempre le ciabattine, perché i luoghi umidi sono ideali per il proliferarsi di funghi.

Evitare di condividere teli bagno o asciugamani con altre persone per ridurre il rischio di venire a contatto con funghi potenzialmente nocivi per la nostra pelle.

Infine perdere un pochino di tempo in più per asciugarsi bene dopo il bagno e la doccia, anche quando fa molto caldo, perché quando l’epidermide rimane umida i funghi eventualmente presenti sulla pelle crescono e si riproducono con estrema facilità.

Persino l’alimentazione può rivelarsi un elemento chiave: troppi zuccheri e carboidrati in genere, alimenti fermentati e derivati del latte, sono i nutrimenti preferiti per la proliferazione.

Una volta diagnosticata una micosi, è necessaria una terapia locale con farmaci antimicotici. Se l’infezione è di vecchia data o è resistente alla terapia topica, si devono aggiungere gli antimicotici per via orale.

E’ importante osservare bene il proprio corpo per scoprire il più precocemente possibile se compaiono sulla pelle lesioni di cui non si conosce la natura. In tal caso bisogna rivolgersi subito a un dermatologo perché esistono diverse patologie cutanee che possono essere facilmente confuse con le micosi.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Redazione Nuovaitaliamedica
27-11-2017



Atre notizie
in categoria
DERMATOLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 2 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB