HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 13/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


ENDOCRINOLOGIA: << ESTATE,TIROIDE E INSONNIA >>

Spazio pubblicitario cmeit.it 
CENTRO MEDICO EUDERMICO ITALIANO

Esiste un legame tra insonnia, o disturbi del sonno, e malattie della tiroide,  la ghiandola endocrina che insieme all'ipofisi è la più importante del nostro corpo.

La tiroide, che si trova nella gola, attraverso i suoi ormoni - T3 e T4 - regola importantissime funzioni vitali tra cui il metabolismo, la libido, l'attività cardiaca, l'umore, e anche il sonno, in parte. Ci sono specifiche disfunzioni tiroidee che, infatti, si ripercuotono proprio sul riposo notturno, e sulla sua durata e qualità.

Nello specifico, a provocare l'insonnia, è l'ipertiroidismo, che a sua volta può essere sia acquisito che cronico di natura autoimmune. Questa patologia viene anche definita "gozzo tossico diffuso" perchè produce un ingrossamento visibile della ghiandola.

Gli esami del sangue consigliati per una diagnosi di ipertiroidismo sono: THS(ormone prodotto dall'ipofisi tireostimolante), Tireoglobulina (proteina prodotta dalla cellule tiroidee), FT4 (Tiroxina libera, ovvero ormone T4), Triodoironina(FT3), Anti-TPO e Anti-TG (anticorpi presenti in caso di disfunzioni della tiroide autoimmuni).

Per curare le malattie della tiroide e far regredire i sintomi, insonnia inclusa, si procede con una terapia ormonale farmacologica a base di tirostatici, per bloccare la sintesi ormonale, con la terapia basata sull’uso di iodio marcato, che distrugge le cellule impazzite o con la somministrazione di iodio radioattivo, con lo scopo di distruggere una parte o tutta la tiroide.

Anche l’alimentazione è fondamentale: se, ad esempio, sarà necessario evitare sostanze stimolanti ed eccitanti come caffè e alcool, che vanno a peggiorare i
sintomi a carico del sistema nervoso, e la carne, spesso contenente ormoni, saranno da privilegiare le verdure a foglia verde e in particolar modo le crocifere che riescono, secondo gli studi, a limitare la produzione di tiroxina. Talvolta, si preferisce asportare del tutto la ghiandola, cosa che non crea nessun problema ma, anzi, in genere produce solo effetti benefici. 

Per quanto riguarda lo iodio è necessario specificare che sicuramente è una componente importante della tiroide perché è legato alla sintesi degli ormoni tiroidei. Una corretta assunzione di iodio è, quindi, importante perché la tiroide funzioni correttamente.
Infatti, se la carenza di iodio può associarsi a gozzo, l’assunzione di grosse quantità di iodio (come nel caso di farmaci quali l’amiodarone) può dare luogo ad ipertiroidismo.

Per sfatare le comuni leggende metropolitane bisogna dire che il mare non rappresenta un problema per chi è affetto da malattie della tiroide.
Una vacanza in una località di mare non è controindicata in chi è ipertiroideo, come pure non rappresenta un reale beneficio per chi è, invece, affetto da ipotiroidismo. Va ricordato, infine, che quello che conta è lo iodio che viene introdotto con l’alimentazione e non quello che viene ‘respirato’ con l’aria di mare“.

Tra i rimedi naturali per regolare i disturbi del sonno anche associati a patologie tiroidee, altamente consigliato è l’utilizzo di valeriana, uno degli estratti vegetali più usati. La valeriana diminuisce il tempo di comparsa del sonno a onde lente: è in questa fase che diminuiscono il tono muscolare, la frequenza cardiaca, la pressione e la frequenza respiratoria rallenta e si stabilizza. Ed è dunque questa la fase che permette di diminuire e alleviare tutti i sintomi dell’insonnia legati all’ipertiroidismo.

Un buon riposo notturno, accompagnato dalla diminuzione del battito cardiaco e da una stabilizzazione del sistema nervoso sono sicuramente un ottimo risultato raggiungibile senza l’uso di farmaci chimici.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Redazione Nuovaitaliamedica
30-6-2016



Atre notizie
in categoria
ENDOCRINOLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB