HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 17/01/2019

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


PATOLOGIA CLINICA: << LA CREATINCHINASI CPK >>

Spazio pubblicitario cmeit.net
ANTONINO PELLEGRITI CME NET

La creatinchinasi (CK), chiamata anche creatinfosfochinasi (CPK), è un enzima prodotto in diversi tessuti che si occupa della produzione di energia nell’organismo, principalmente a livello di:cervello, cuore, muscoli striati (ossia quelli che controlliamo volontariamente).


A seguito di una lesione ad un muscolo oppure al cuore, come avviene per esempio durante un infarto, il CPK viene rilasciato dalle cellule muscolari o cardiache danneggiate. Un aumento dell’attività dell’enzima può quindi essere rilevato dopo circa 4-8 ore dall’evento, raggiungere un picco (valore alto) dopo 12-24 ore e poi tornare normale dopo 3-4 giorni.


La principale fonte del CK nel sangue è la muscolatura, mentre quella proveniente dal cervello è praticamente assente nel sangue.


Un valore alto di CPK è in genere indice di malattia neuromuscolare o di infarto miocardico acuto.



In tutti i tipi di distrofia muscolare i livelli rilevati sono fino a 50 volte oltre quelli normali, ma valori oltre la norma sono comunque rilevabili in presenza di qualunque malattia in grado di colpire la muscolatura.


Circa il 60% dei soggetti ipotiroidei mostrano un valore di CPK mediamente 5 volte oltre il limite superiore di riferimento, ma non sono rari esiti anche superiori.


Poiché la fonte principale di CK-MB è il cuore, un elevato livello di questa particolare forma riflette un danno cardiaco (infarto, miocardite, trauma cardiaco, cardiochirurgia, biopsia). Ricordiamo però che il CK-MB costituisce il 5-7% di CPK nel muscolo scheletrico, quindi va comunque esclusa la causa muscolare.


L'esame CPK viene richiesto quando si è in presenza di sintomi di un attacco cardiaco oppure nel caso di dolori muscolari o sintomi associati, come la perdita di forza.


Se i livelli di CPK sono significativamente più alti rispetto ai valori normali (5 o più volte il limite) il trattamento farmacologico con le statine (farmaci molto usati per il controllo del colesterolo ) non deve essere iniziato. Se i livelli di CPK sono significativamente aumentati rispetto al baseline (> 5 volte il limite normale superiore).


Se i sintomi muscolari sono così gravi da interferire con le normali attività quotidiane, anche piccole variazioni oltre il limite di CK è sufficiente ad indurre la possibilità di sospendere il trattamento o provare con dosi inferiori.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Redazione NuonaItaliaMedica
30-6-2015



Atre notizie
in categoria
PATOLOGIA CLINICA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB