HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 10/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


ANDROLOGIA: << L'EPISPADIA >>

Spazio pubblicitario cimesan.it

Si tratta di una malformazione congenita in cui manca la faccia superiore dell’uretra. L’epispadia è il risultato di uno sviluppo difettoso dell’uretra durante la vita fetale. Le cause di tale anomalia non sono note.

Nel maschio il meato dell’uretra sbocca sulla faccia superiore del pene, in un punto qualunque tra il glande e la parete addominale anteriore. Il pene è di buone dimensioni, ma corto e incurvato verso l’addome.
La diagnosi è evidente sin dalla nascita. Una visita specialistica dell’urologo pediatrico permette di definirne la gravità.

Per avere un quadro completo è inoltre necessario eseguire alcuni approfondimenti diagnostici, quali: ecografia dell’apparato urinario per valutare la presenza di eventuali anomalie dell’apparato urinario; radiografia dell’addome senza mezzo di contrasto; cistografia per studiare l’anatomia e il funzionamento della vescica e dell’uretra. Permette anche di verificare l’eventuale presenza di reflusso vescico-ureterale. L’esame prevede il posizionamento di un catetere vescicale, il riempimento della vescica con un mezzo di contrasto e l’esecuzione di alcune radiografie durante il riempimento della vescica.

Il trattamento è di tipo chirurgico. In genere, soprattutto nelle forme più gravi, sono necessari plurimi interventi ricostruttivi. Tali interventi sono considerati di chirurgia maggiore e si prefiggono i seguenti obbiettivi: la ricostruzione dell’uretra mancante con tessuti propri del bambino che cresceranno insieme a lui; raggiungimento della continenza urinaria; correzione degli aspetti estetici-funzionali dei genitali esterni.

Poiché le tecniche chirurgiche sono complesse vanno effettuate in centri specializzati e i risultati dipendono fortemente dal livello di specializzazione del centro di cura.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Redazione NuonaItaliaMedica
29-1-2015



Atre notizie
in categoria
ANDROLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB