HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 13/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


DERMATOLOGIA: << La Cheratosi Attinica >>

Spazio pubblicitario cmeit.it 
CENTRO MEDICO EUDERMICO ITALIANO

La cheratosi attinica è una lesione cutanea, una patologia che coinvolge le aree interessate da un'eccessiva esposizione solare ed ai raggi ultravioletti in genere: non a caso, la cheratosi attinica è chiamata anche cheratosi solare. E' un disturbo legato in parte all'età ed in parte al fototipo del soggetto: interessa il 60% degli individui a pelle chiara che hanno superato i 40 anni, e l'80% degli anziani sopra i 60 anni: è dunque una condizione diffusa che può colpire anche i giovani che si sottopongono sempre più all'esposizione ai raggi UV artificiali per un'abbronzatura impeccabile anche d'inverno. Tuttavia si tratta di un fenomeno di tipo cumulativo, il che significa che durante il corso degli anni le radiazioni UV si "accumulano" nella pelle - che funge da spugna - e l'esplosione della malattia può avvenire all'improvviso, anche se il soggetto non si sottopone all'abbronzatura da alcuni anni.

La cheratosi può essere sia isolata e circoscritta sia multipla e diffusa in varie zone cutanee; appare come una zona di colore bruno-grigiastro, simile a una verruca, e rilevata rispetto all’area cutanea circostante. Spesso la zona colpita da cheratosi presenta una crosta grassa che può essere asportata con una certa facilità. Le lesioni provocate dalla cheratosi solare sono maggiormente evidenti al tatto, piuttosto che alla vista, poiché le squame sono ruvide e l'area presenta papule in rilievo. In genere, le cheratosi attiniche sono asintomatiche; come tali, non comportano effetti evidenti, se non una sensazione di prurito.

In generale, le cheratosi attiniche si manifestano soprattutto a livello del viso (specie in padiglioni auricolari e fronte), delle gambe, delle braccia, del dorso delle mani e del cuoio capelluto (nei soggetti calvi), tutte aree maggiormente esposte al sole.

La diagnosi di cheratosi attinica risulta assolutamente importante , perché è possibile che il disturbo cutaneo si evolva in una forma maligna: a tal proposito, la cheratosi attinica è stata valutata come neoplasia intraepiteliale cheratinocitaria. La cheratosi attinica non è, tuttavia, considerata tumore, ma una forma precancerosa: non necessariamente, dunque, la si trasformerà in neoplasia, sebbene in merito esista una certa probabilità. Per questo motivo, lo specialista dovrà diagnosticare correttamente il disturbo dermatologico prima che si trasformi in una forma maligna. È stata dimostrata, poi, una connessione tra cheratosi attinica ed immunodepressione: l'alterazione delle condizioni immunitarie dei soggetti (per esempio coloro i quali hanno subìto un trapianto d'organo) potrebbe favorire la progressione della cheratosi solare in tumore, accelerando i tempi di evoluzione maligna.

In taluni casi, si è registrata una naturale involuzione della cheratosi attinica, mentre in altri si è notato che la cheratosi non si evolve e non scompare, ma rimane nella medesima forma in cui si è manifestata.
Tra i possibili trattamenti risolutivi attuali si ricordano: asportazione chirurgica, terapia fotodinamica, crioterapia (trattamento con azoto liquido), laser-terapia, trattamento farmacologico (con diclofenac gel 3% in acido ialuronico).

È buona abitudine adottare tecniche per prevenire una possibile cheratosi attinica, che dovrebbero essere tanto più attente e scrupolose quanto maggiore è la predisposizione del soggetto (fototipo basso, attività lavorativa all'esterno, continue esposizioni solari ecc.): l'utilizzo di creme a filtri solari e il cappello (soprattutto per i calvi) sembrano accorgimenti banali, ma rappresentano una forma di prevenzione molto valida.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Redazione NuonaItaliaMedica
29-1-2015



Atre notizie
in categoria
DERMATOLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB