HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 10/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


ANDROLOGIA: << Il Maschio è destinato ad estinguersi? >>

Spazio pubblicitario cimesan.it

Effetti biologici del testosterone sul maschio di Andrea Militello
Medico Chirurgo specialista in urologia e andrologia.

La diminuzione delle nascite con il conseguente ricorso alla fecondazione artificiale, l''aumento dei tumori del testicolo (aumentati negli ultimi 30 anni del 45%), le malformazioni dei genitali maschili raddoppiate, la grande diminuzione di spermatozoi attivi nell''eiaculato, stanno sempre più facendo prendere coscienza nella gente che c''è un problema sull''essere umano maschile, problema molto probabilmente dovuto a tossici specifici a cui l''organo maschile è particolarmente sensibile.
Negli Stati Uniti - Massachussetts pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism risulta che ogni anno sparisce dall''organismo maschile circa l''1,2% del testosterone.
A questa ricerca si aggiunge lo studio condotto nel 2006 dall''Università di Turku, in Finlandia: le analisi del sangue, meticolosamente condotte, non solo confermano la tendenza alla diminuzione del testosterone nell''adulto, ma scoprono che la diminuzione dell''ormone colpisce anche i giovani. I trentacinquenni hanno perso il 20% del testosterone rispetto ai loro padri e questi oltre il 15% rispetto ai loro vecchi genitori. Questa progressiva diminuzione dell''ormone nel maschio preoccupa molto i ricercatori che ipotizzano in un non lontano futuro una perdita del 50%. Il maschio è dunque destinato ad estinguersi?
Ma che cosa è il testosterone e qual'' è il suo effetto sull''organismo maschile? E'' a tutti noto che l''ormone più importante nell''uomo è il testosterone, esso è prodotto dai testicoli e alla nascita influenza il sesso nel soggetto. Il suo aumento in epoca puberale (13-15 anni) causa importanti modificazioni fisiologiche nell''organismo maschile con sviluppo e completamento degli organi sessuali primari (testicoli e pene) e comparsa degli organi sessuali secondari (barba,voce, carattere, muscolatura, umore).
Nell''individuo adulto l''ormone mantiene trofici gli organi sessuali e ne stimola la funzione, mantiene e controlla i caratteri sessuali secondari e cosa importantissima induce nel testicolo la produzione di spermatozoi, controllandone qualità e quantità.
Il testosterone ha una forte azione sullo sviluppo e la grandezza del pene e dei testicoli, anche se le loro dimensioni dipendono principalmente da fattori razziali ed ereditari.
La quantità di ormone maschile prodotta giornalmente nel soggetto giovane va dai 5 ai 7 milligrammi e la quantità di ormone attivo circolante oscilla tra 300-1100 ng/dl per litro di sangue.
La quantità di testosterone nel sangue non è costante nella giornata, la sua quota massima è secreta nelle prime ore del mattino e influenza spesso sogni erotici.
A queste dosi l''effetto biologico dell''ormone determina attività anabolizzante con aumento della massa muscolare, riduzione del grasso, aumento dei globuli rossi, aumento della densità ossea. Tutto ciò si traduce in un forte carattere del maschio, con spiccato ottimismo, forza fisica e mentale, ottime performance sessuali, sicurezza di sé e sensazione estrema di benessere.
Nei mammiferi gli effetti biologici del testosterone sono sovrapponibili a quelli umani. Una quantità ottimale di ormone circolante nel sangue del maschio adulto del regno animale (orango, scimpanzé, toro, cavallo,montone, gallo, lucertola, topo, ecc...), oltre a mantenere floride le condizioni fisiche, genera sempre competitività nella specie, aggressività e forte istinto sessuale.
Questo ormone speciale che genera la vita e la rende piacevole, questo regalo della natura all''uomo oggi sta inesorabilmente diminuendo e con esso si riduce questa grande chance che la natura ha dato al maschio. Infatti molto delicati e sensibili sono i meccanismi biologici e umorali che, a livello testicolare, inducono la sintesi e la secrezione del testosterone e degli spermatozoi. Alcune sostanze agiscono come induttori e acceleratori del processo mentre altre, quai sempre sostanze tossiche esterne, ne rallentano o bloccano la produzione.
L''attività sessuale di per sé mantiene efficiente la funzione e induce un alto tasso di testosterone, come pure immagini erotiche e stimoli sessuali ne danno una pronta secrezione.
Tra gli alimenti che influenzano positivamente la produzione del testosterone troviamo le carni, i formaggi (specialmente a pasta dura), il cioccolato (per la sua componente di cacao e burro) e specialmente molluschi, gamberi e crostacei in generale per il loro alto contenuto in colesterolo (nel testicolo il testosterone viene sintetizzato a partire proprio dal colesterolo).
Ma moltissime sono le sostanze che aggrediscono l''organo maschile riducendo la produzione e l''attività di questo importante ormone.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Dr. Andrea Militello
15-7-2013



Atre notizie
in categoria
ANDROLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB