HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 21/04/2019

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


DIETOLOGIA: << I MECCANISMI DELLA SAZIETA' >>

Spazio pubblicitario cmeit.net
ANTONINO PELLEGRITI CME NET

Il cibo: bisogno primario per eccellenza di uomini e animali, la sensazione di fame è ciò che spinge a cercare il sfamarsi fino a quando non ci si sente sazi.
Allo stato naturale devono esistere dei meccanismi di regolazione dell’appetito e della sazietà che potrebbero funzionare se si desse loro ascolto e se spesso non venissero danneggati fin dalla primissima infanzia.
La fame è una sensazione molto spiacevole che si avverte a livello dello stomaco, della gola, della bocca, della testa, che aumenta di intensità a mano a mano che perdura l’impossibilità di soddisfarla
La realtà è che la maggior parte delle volte non si mangia quando si ha appetito, è cioè in risposta a un segnale interno, ma semplicemente perchè è l’ora di pranzo o di cena.
L’appetito è una sensazione che fa desiderare di mangiare non qualsiasi cosa, ma qualche cibo in particolare. Ci si può sentire sazi alla fine di un pasto, ma mangiare ancora se viene presentato un nuovo piatto, stuzzicante per la vista o per l’olfatto.
Sia l’appetito sia la sazietà sono regolati da una rete di connessioni tra certe zone del cervello, che rispondono con segnali appropriati a stimoli che provengono dalla periferia.
E' il cervello a governare il tutto: se i depositi di grasso aumentano viene incentivata la produzione di leptina , ( un ormone proteico che segnala all'ipotalamo se c'è carenza o abbondanza di cibo ) se invece diminuiscono, l'introito calorico viene favorito dalla ridotta secrezione dell'ormone. Quando lo stomaco è vuoto è sempre il cervello a rilasciare la grelina, l'ormone responsabile dell'aumento del senso di fame: la grelina aumenta progressivamente durante il digiuno e diminuisce rapidamente in seguito all’ingestione di cibo. Anche l’insulina gioco un ruolo importante nella sensazione di sazietà o di fame: il suo scopo è quello di trasportare zucchero nel muscolo e nel fegato fino al riempimento delle scorte.
Dipende, quindi, tutto dagli ormoni, la sensazione di pienezza è generata non dal volume occupato dal cibo ingerito, ma dai suoi nutrienti, le cellule nel tratto gastrointestinale registrano le sostanze assunte e in base ad esse producono gli ormoni della “sazietà”.
Tramite l’esercizio fisico però si liberano adrenalina e noradrenalina che, se da un lato favoriscono il consumo di acidi grassi liberi a scopi energetici, dall'altro tendono a far abbassare i livelli di insulina e quindi si riesce a contrastare il senso di fame e a mantenere l'ideale peso forma.
Per evitare di mangiare oltre misura si consiglia l'assunzione di alcuni tipi di cibi che attivano il meccanismo della ‘sazietà’, come i cereali, ma anche cibi proteici e fibre, che attivano gli ormoni “anti-fame”. Fomdamentale poi bere molta acqua (gli esperti raccomandano almeno 2 litri al giorno) e ridurre la quantità dei cibi durante i pasti, aumentando invece il numero di questi ultimi per mantenere un livello di energia il più costante possibile. Mangiare poco, quindi, e più spesso.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Nim
1-7-2013



Atre notizie
in categoria
DIETOLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB