HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 10/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


ANDROLOGIA: << LO SMEGMA >>

Spazio pubblicitario umlmedica.it
UML MEDICA

Lo smegma è una sostanza biancastra e cremosa, di odore pungente, composta da cellule epiteliali esfoliate, secrezioni della pelle e materiali umidi (urina e sperma ) che si possono accumulare sotto il prepuzio nei maschi ( meno comune nei maschi circoncisi ), e nella zona della vulva nelle femmine.
Sia i maschi che le femmine producono smegma.
Per quanto riguarda l'uomo, se lo smegma viene lasciato accumulare nelle cavità del prepuzio, si può combinare con cellule di pelle e dare luogo a colture batteriche.
Le conseguenze più frequenti sono le balaniti e balanopostiti (infiammazioni del glande e del prepuzio) che possono portare a due tipi di problemi: il primo riguarda la partner (frequenza di induzione di vaginiti, cerviciti ecc.) il secondo riguarda l'uomo stesso, poichè il ripetersi continuo di tali infiammazioni rende la pelle del prepuzio anelastica evolvendo in fimosi (restringimento) cicatriziale, con difficoltà o addirittura impossibilità a scoprire il glande e quindi di avere normali rapporti sessuali.
Inoltre la reazione infiammatoria che interessa il solco balano-prepuziale può facilmente estendersi alla cute circostante ed al glande, creando un'irritazione che può sfociare in eiaculazione precoce, a causa di eccessiva stimolazione dei recettori nervosi della sensibilità.

Un’accurata e quotidiana igiene intima però può prevenire tutti i suddetti disturbi, perchè le parti intime sono da considerarsi e da trattarsi al pari di ogni altra parte del corpo.
E' quindi buona norma osservare e manipolare le proprie parti intime e distinguere le situazioni di normalità da quelle patologiche.
Per quanto riguarda l’igiene maschile, per la rimozione di tutte le secrezioni occorre scoprire bene tutto il glande e rimuovere la patina biancastra, lo smegma, che si accumula solitamente a livello del solco balano-prepuziale.
E' inoltre sconsigliato indossare tutti gli indumenti di materiali sintetici, che possono portare manifestazioni allergiche; altrettanto da evitare sono indumenti intimi, cioè mutandine, slip e pantaloni particolarmente stretti e attillati.

 

Commenta l'articolo su facebook:

NuovaItaliaMedica.it
11-2-2011



Atre notizie
in categoria
ANDROLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB