HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 13/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


TRICOLOGIA: << L’ALOPECIA CICATRIZIALE >>
perdita definitiva ed irreversibile dei follicoli

Spazio pubblicitario cimesan.it

L’Alopecia Cicatriziale è una patologia caratterizzata dalla perdita definitiva ed irreversibile dei follicoli piliferi e dei capelli, di solito in chiazze, qualunque ne sia stata la causa determinante.
Interessa una zona più o meno ampia del cuoio capelluto dove la pelle si presenta sottile e rigida ed i follicoli piliferi sono scomparsi. Ne esistono varie forme: di natura traumatica, ustioni, incidenti stradali, pettinature troppo strette e tirate (code di cavallo, chígnon). Una forma particolare è la tricotillomania, ovvero tic nervoso che porta chi ne soffre a strapparsi i capelli. Altro tipo è la calvizie causata da interventi di chirurgia sul cuoio capelluto sia con finalità curative, asportazioni di tumori, che estetiche quali lifting cutanei temporali non perfettamente eseguiti.
Una alopecia cicatriziale può conseguire anche a varie malattie della pelle quali quelle dovute ad infezioni micotiche, cioè da funghi quali la tigna: queste provocano chiazze di pelle arrossata con capelli spezzati che nel tempo guariscono lasciando zone prive di capelli.
Le zone colpite dalla malattia assumono aspetto simile a quello di una cicatrice: atrofiche ed anelastiche; le zone colpite non potranno mai più rinfoltirsi.
Una diagnosi tempestiva è quindi fondamentale per tenere sotto controllo la malattia e limitare i danni.
L'esame dermatologico in corso di alopecia cicatriziale va esteso a tutta la cute e alle mucose, per poter ricercare eventuali lesioni cutanee associate. La biopsia andrebbe eseguita su un'area interessata da processi infiammatori ancora attivi, abitualmente prelevando il frammento dalla periferia della zona decalvata. Non vanno trascurati gli esami colturali per batteri e funghi.
Compito del medico è instaurare, quando possibile, una terapia corretta che possa portare all'arresto dell'evoluzione della malattia.

L’alopecia CICATRIZIALE di solito resiste ai trattamenti e i fattori sfavorevoli in termini di prognosi sono i seguenti: l’esordio precoce, un grave coinvolgimento iniziale, un’alopecia totale per più di un anno, una distrofia delle unghie.

Le terapie vengono comunque calibrate cercando di curare all’origine il fattore scatenante.

 

Commenta l'articolo su facebook:

REDAZIONE NIM
9-7-2008



Atre notizie
in categoria
TRICOLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB