HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 10/12/2018

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


ANDROLOGIA: << EIACULAZIONE PRECOCE >>

Spazio pubblicitario cimesan.it

Si va dall'uso di sostanze anestetiche applicate direttamente sul pene (prilocaina, lidocaina) - che hanno però lo svantaggio di rendere più o meno insensibile l'organo maschile - alle terapie orali. Qualche successo è stato infatti ottenuto con gli antidepressivi inibitori del reuptake della serotonina (SSRI). È inoltre allo studio una nuova molecola, sempre appartenente al gruppo degli SSRI, la dapoxetina, che sembra avere una azione particolarmente spiccata nel rallentare i tempi dell'eiaculazione. Comunque si tratta di un farmaco ancora in fase di sperimentazione. Quando la causa è organica, si può prendere in considerazione la terapia chirurgica. Si tratta di un'operazione diretta ad eliminare l'esagerata sensibilità del pene senza agire sui grandi fasci nervosi e che non fa perdere la normale sensibilità penie- na. Si effettua in anestesia locale e dura meno di un'ora. In pratica consiste nell'eliminare una parte del prepuzio (circoncisione) e di incidere le ramificazioni periferiche sottoglandulari del nervo dorsale del pene, quelle che vanno a finire sotto il glande e sono responsabili dell'ipereccitabilità. Vengono anche cauterizzate le altre piccole diramazio-ni presenti tra il frenulo e il glande. Per alcuni giorni sarà necessario tenere un bendaggio e utilizzare una crema antibiotica per prevenire eventuali infezioni. Dopo circa un mese si può riprendere gradualmente la normale attività sessuale e verificare l'avvenuto miglioramento nel controllo dell'eiaculazione. Per un recupero pieno comunque, sarà necessario attendere almeno 2-3 mesi.

 

Commenta l'articolo su facebook:

nim
13-6-2007



Atre notizie
in categoria
ANDROLOGIA

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB