HOME PAGE |  ISTITUTI AFFILIATI  |  PUBBLICITA' LA REDAZIONE  |  CONTATTI PORTALE LAVORO

GALLERIA FOTO PATOLOGIE

FORUM DEL MEDICO ON LINE

ANDROLOGIA

SESSUOLOGIA

DERMATOLOGIA

MEDICINA ESTETICA

CHIRURGIA PLASTICA

TRICOLOGIA

ENDOCRINOLOGIA

PSICOLOGIA

PATOLOGIA CLINICA

DIETOLOGIA

MEDICINA NATURALE

MEDICINA GENERALE

 
 

HOME PAGE DEL SITO NUOVAITALIAMEDICA.IT - ESTATE 14/11/2019

Rss nuovaitaliamedica.it
Tieniti sempre aggiornato, sui nostri articoli..


Numero 3 Anno 7  III Trimestre - anno MMXVIII

 
 

  ARCHIVIO ARTICOLI:   Titolo  Corpo              TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO MESE

Medico o Articolista? Proponi un articolo

Metti nei preferiti questo articolo

Versione Stampabile articolo


SESSUOLOGIA & EDUCAZIONE SESSUALE: << L’IMPOTENZA-DISFUNZIONE ERETTILE >>
Detta anche: Impotentia coeundi

Spazio pubblicitario cimesan.it

L’impotenza, detta anche “impotentia coeundi”, oggi è una patologia molto diffusa nel sesso maschile e comporta problemi molto seri anche per la integrità psicofisica dei soggetti affetti o portatori.
Si manifesta con progressiva riduzione dell’erezione e talvolta con erezione incompleta. Tale condizione comporta la impossibilità di avere rapporti completi con l’altro sesso e influisce molto negativamente nell’equilibrio della vita di coppia.
Molte impotenze sono da attribuire ad una causa o malattia di natura organica, per esempio la sclerosi dei corpi cavernosi e alcune malformazioni del pene o dei testicoli; altre impotenze, nella stragrande maggioranza dei casi, specie nei soggetti giovani, sono di natura funzionale, e cioè non legata a nessuna alterazione anatomica o il più delle volte queste forme sono da considerare di natura psicogena o psicologica. C’è da dire che detti disturbi funzionali, se non curati, ripresentandosi con molta frequenza, col tempo si somatizzano e diventano ben più gravi dei disturbi organici investendo così in maniera negativa tutta la sfera emotiva ed affettiva dei soggetti interessati.
Oggi la medicina è mutata e non ricerca le cause soltanto nella componente ormonale, come si riteneva in un passato recente. Oggi alcune zone del cervello, insieme all’ipofisi, si è visto che sono la vera centralina regolatrice di tutta l’attività sessuale e tutte le emozioni affettive.
Turbe quindi anche di carattere neurogene o nervoso possono determinare notevoli riduzioni dell’erezione. C’è da dire che frequentemente esistono delle forme miste di impotenza, cioè legate oltre che a patologie organiche ed ormonali anche a componenti psicogene. In questi casi lo specialista andrologo e neuro-endocrinologo riesce a prescrivere e a consigliare le terapie adatte caso per caso poiché la ricerca medica e scientifica, in questi ultimi anni, al riguardo ha fatto notevoli progressi.
Tutte le sensazioni affettive e amorose affluiscono alla zona del cervello chiamata ipotalamo.
Ivi sotto gli stimoli erotici si liberano delle sostanze chimiche che sono i precursori della funzione sessuale. Dette sostanze recentemente si è visto sono delle dopammine chiamate anche “reliting-factors”. Queste sostanze che si vengono a liberare dalla zona diencefalica attraverso il ponte o circolo portale ipofisario raggiungono l’ipofisi, la stimolano, e questo a sua volta oltre alle sostanze gonadostimoliniche LH e FSH libera l’ossitocina o monossido d’azoto che da la vaso dilatazione dei corpi cavernosi e quindi l’erezione.
Tutte le turbe che avvengono in tutti questi delicati meccanismi comportano impotenze o comunque notevoli riduzione dell’erezione. I soggetti che conducono una vita molto stressante, piena di ansia, e legati a molte responsabilità personali, liberano a livello ipofisario una sostanza chiamata LT o ormone lattotropo o più comunemente prolattina, che agisce da antagonista delle sostanze citate in precedenza, elaborate dall’ipofisi anch’esse, e blocca la normale funzione sessuale.
Oggi le ricerche nel campo dei dosaggi ormonali, il dosaggio delle gonadostimoline, della prolattina, degli ormoni androgeni e del testosterone permettono di fare maggiore chiarezza su tutte le cause di impotenza.
Con l’età il fenomeno dell’impotenza si va via via accentuando, i rapporti diventano più diradati nel tempo per cui se nel periodo di astinenza il soggetto non innalza e concentra maggiori quantità di testosterone nel sangue, i rapporti non saranno mai completi.
Molti dovrebbero sapere che il testosterone così come è non esplica alcuna funzione a livello sessuale. Soltanto l’intervento di un enzima prodotto dal fegato detto 5 ALPHA REDUTTASI, con la vitamina E agisce trasformando il testosterone medesimo in “diedro-testosterone” e cioè nella forma attiva.
In conclusione vogliamo approfondire un aspetto molto importante emerso dagli studi più recenti, ove si è notato che la degenerazione lipoidea dei ricettori dove agisce il diidro-testosterone comporta la scarsa sensibilità dei ricettori medesimi e quindi altera i meccanismi deputati all’erezione e determina progressiva impotenza anche in soggetti molto giovani.
Tale degenerazione lipoidea oggi sta diventando sempre più frequente e colpisce i maschi di tutte le età a causa di fattori come l’alimentazione, la radioattività, lo stress, l’inquinamento ecologico ed elettromagnetico e per chi passa molto tempo in aereo le radiazioni cosmiche.
Il compito del medico specialista è dunque quello di individuare le cause e i problemi che ogni soggetto presenta e dare una soluzione a questi.

 

Commenta l'articolo su facebook:

Antonino Pellegriti
6-6-2006



Atre notizie
in categoria
SESSUOLOGIA & EDUCAZIONE SESSUALE

Visualizza Tutti gli articoli di questa uscita N° 3 - Anno 7


Torna alla home page


Collegamenti pubblicitari esterni:

Collegamento diretto Siti web affiliati a Nuova Italia Medica
Dermatologia - Medicina Estetica - Andrologia - Urologia - Sessuologia - Endocrinologia  - Tricologia - Psicologia

 


 


CONTATTI  |  CHI SIAMO IN REDAZIONE  |  PUBBLICITA'  | LETTERE AL DIRETTORE  | PROPONI UN ARTICOLO |   WEBMASTER Rss


Nuova Italia Medica Rivista Trimestrale Nazionale di informazione medica e cultura. Registrazione del tribunale di Catania N° 17/94 del 30/06/1994
© Tutti i diritti riservati www.nuovaitaliamedica.it  Copyright 2007 - 2013

 

 

 

Archivio articoli Nim

Gli articoli di nuova italia medica



Ricevi i nostri feed, clicca qui


NUOVAITALIAMEDICA CONSIGLIA DI VISITARE:

Il Centro Medico Eudermico Italiano dal 1964 è l'unica struttura polispecialistica a carattere nazionale che con i vari presidi sanitari dislocati in tutto il territorio garantisce la possibilità di affrontare, curare e risolvere con le cure mediche e con la chirurgia andrologica tutti i casi che si presentano con le varie patologie.  VAI AL SITO WEB